L’autore si racconta

Fuori testo

Officine aperte. Preludio a una ricerca di senso alternativa è una raccolta di poesie forgiate, battute, scolpite come dentro un’ “officina”, in cui il lavoro è concepito in un significato ampio, come sinonimo di attività creativa. Così era inteso da Gramsci, che a officina attribuiva sia il significato latino di opifex, (composto da opus, opera, e fex, derivato di facere), a cui collegava l’esperienza lavorativa – manuale, operaia, artigiana e contadina -, sia quello che ritrovava nello studio del De Sanctis, il quale definì l’opera del Manzoni come un’ “officina” in cui si formava il nuovo movimento letterario italiano, una visione che Gramsci collegava all’esperienza del lavoro intellettuale.

continua a leggere

Annunci